Notizie RSS



Merck sospende la sua ricerca al vaccino Covid-19. E intanto Pfizer e AstraZeneca tagliano le dosi

Da possibile protagonista a osservatrice ‘sconfitta’. Potrebbe essere sintetizzato così il percorso di Merck in questa lunga e tortuosa strada nella lotta contro il Covid-19. Nonostante le previsioni, la casa farmaceutica più vecchia al mondo (nonché una delle più importanti, sia dal punto di vista strutturale che economico), ha deciso di tirarsi fuori dalla gara alla realizzazione di un potenziale vaccino contro il Covid, a causa di una “deludente risposta immunitaria” offerta dai suoi due aspiranti farmaci. “Siamo grati ai nostri collaboratori che hanno lavorato con noi su questi vaccini candidati e ai volontari per le prove”, ha affermato in una nota ufficiale il dott. Dean Y. Li, presidente di Merck Research Laboratories. “Siamo risoluti nel nostro impegno a contribuire allo sforzo globale per alleviare il...

Continua a leggere



Mascherine Ffp2, chirurgiche e lavabili: quale usare e perché

Le mascherine sono uno strumento fondamentale per cercare di limitare i contagi da Covid-19. Ma quali scegliere fra Ffp2, mascherine di stoffa e chirurgiche?  Soprattutto ora che la seconda ondata di Covid-19 è in corso, è fondamentale che ognuno di noi faccia la sua parte. Questo significa non solo mantenere il distanziamento sociale e cercare di ridurre al minimo i contatti, ma anche indossare la mascherina, nel modo corretto. Ffp2, chirurgiche e lavabili di stoffa: sono molte le tipologie di mascherine oggi in commercio, e spesso ci chiediamo quale mascherina sia meglio usare a seconda dei contesti in cui viviamo e lavoriamo. Vediamo insieme nel dettaglio le caratteristiche e le funzionalità delle diverse tipologie. Mascherina Ffp2 La mascherina di tipo Ffp2 hanno un alto...

Continua a leggere



COME RALLENTARE LA DIFFUSIONE DEL COVID-19

Sostieni i nostri operatori sanitari Nelle ultime settimane la vita di ognuno di noi è stata stravolta a causa dell'epidemia da Coronavirus, momento che sta rendendo particolarmente difficile il lavoro di tutto il personale sanitario. Per evitare il sovraffollamento degli ospedali, le persone di tutto il mondo stanno cercando di ridurre al minimo le infezioni. L'obiettivo principale è rallentare la diffusione!   Come contenere la pandemia  La misura più efficace nella lotta alla diffusione del Covid-19 ha un nome: distanziamento sociale. Questo include tutto, dal mantenere la distanza fisica tra le persone al non uscire di casa. Con un po' di pazienza, buona volontà e cooperazione possiamo dare tutti un contributo. Come applicare il distanziamento sociale Seguire le istruzioni e le raccomandazioni delle autorità del proprio Paese. Restare a...

Continua a leggere



Coronavirus, firmata la circolare: "I test rapidi di ultima generazione valgono come i molecolari"

I nuovi test rapidi possono sostituire di fatto i test "classici", ovvero i molecolari. Ed entrano a tutti gli effetti nel conteggio dei casi positivi e dei guariti. Il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, ha firmato la circolare che riconosce la validità dei tamponi antigenici rapidi di ultima generazione nella definizione di caso Covid-19, nel solco delle indicazioni europee. La circolare, dal titolo "Aggiornamento della definizione di caso COVID-19 e strategie di testing", prevede l'obbligo di tracciabilità di tutti i test nei sistemi informativi regionali: "Gli esiti dei test antigenici rapidi o dei test RT-PCR, anche se effettuati da laboratori, strutture e professionisti privati accreditati dalle Regioni - si legge - devono essere inseriti nel sistema...

Continua a leggere



A che punto siamo con il vaccino: le regioni migliori e peggiori Quali sono le regioni più meritevoli in Italia sul fronte del vaccino anti Covid? Non basta analizzare i dati per capirlo

L’Italia si prepara a entrare nel vivo della campagna vaccinale contro il Covid-19, con una partita che si gioca interamente sui territori. Le Regioni, dopo i problemi logistici dell’organizzazione dei centri vaccinali, i ritardi nell’arrivo delle dosi e gli errori delle forniture, come il caso delle siringhe sbagliate, sono ora più che mai sotto i riflettori per la gestione dell’emergenza. Arrivano da tutte le parti d’Italia proclami e accuse bipartisan sul successo o il fallimento dell’impianto vaccinale. Per capire meglio chi si sta muovendo nella direzione giusta è bene analizzare i dati e le ragioni dietro i numeri, troppo bassi o inaspettatamente alti, delle inoculazioni. Vaccino Covid, dati assoluti e percentuali: chi fa meglio e peggio Osservando i dati disponibili il 6 gennaio, con la percentuale di vaccini effettuati rispetto...

Continua a leggere